Talamone e La Sirena: miti e leggende del mare

Massimo Lippi (Siena, 1951)
Massimo Lippi, poeta ed artista, è nato nel 1951 a Ponte a Tressa, Siena. Apprende “il mestiere di vivere dalla maestranza di operai e contadini della sua terra” Dopo le scuole d’Arte si laurea in Lettere e Filosofia presso l’Università di Siena. Nel 1982, presentato da Franco Fortini, pubblica presso Einaudi una raccolta di versi nella prestigiosa collana ”Nuovi Poeti Italiani 2” con prefazione di Alfonso Berardinelli. In seguito dà alle stampe “Non popolo mio“, Milano, 1991 Edizione del “Pesce d’oro” di Vanni Scheiwiller; prefazione di Franco Fortini. Nel 1999 è finalista al Premio Viareggio con libro di poesie “Passi il Mondo e Venga la Grazia” Milano, Scheiwiller, seguono “Nuziale” e “Dell’invincibile sogno”. Nel 2008 pubblica “Exilium”, Edizioni Cantagalli, di nuovo finalista al “Viareggio”. Tra gli altri hanno scritto di lui: Elsa Morante, Giorgio Caproni, Mario Luzi, Andrea Zanzotto, Giovanni Testori, Enzo Carli, Enrico Crispolti, Amnon Barzel. Lippi è artista presente in musei e in collezioni private; ha esposto in Giappone, in Perù, in Germania, negli Stati Uniti, in Spagna dove ha realizzato un monumento in pietra a Vitoria. Ha fuso molte opere monumentali in bronzo e realizzato molti monumenti in pietra e marmo: a Caprese Michelangelo (Arezzo), a Querceta (Lucca), a Monte Oliveto Maggiore (Siena), a Vittoria (Ragusa). Alcune sue opere sono in Piazza del Campo e nel Duomo di Siena, nella Cattedrale di Firenze, nelle collezioni private nella Città del Vaticano. Ai temi dell’ecologia Lippi ha dedicato poesie e performance a New York, Cracovia, Torino, in Armenia dove tra l’altro ha partecipato ad alcuni simposi di scultura e ad un grande monumento alla Pace (2014). Ha insegnato scultura all’Università S.M.U. di Dallas. Ha viaggiato in Cina, in Russia e in tutto il mondo come ambasciatore di Cultura e di Pace. Sensibile al degrado dell’ambiente e - “dedito alla promozione della famiglia dei Popoli”-. Ha insegnato all’Accademia di Carrara, Macerata, Firenze e attualmente è docente all’Accademia di Belle Arti di Roma.

Esegui il login per poter commentare

Nessuna donazione ricevuta
Dona per primo!

22-12-2016

Fine Campagna

24-11-2016

Inizio Campagna

Raggiunti €
0
Obiettivo €
3000.00
0.00% Fondi raccolti
Campagna Chiusa il 22-12-2016

La nostra campagna

Perchè donare?

Perché il mare è una ricchezza di tutti. Ci impegniamo a preservare la natura con pratiche virtuose che privilegiano la cultura e il turismo sostenibile.
Aiutaci a proteggere i fondali marini della Maremma Toscana, a favorire il ritorno della posidonia e il ripopolamento ittico.

Un piccolo contributo

Un piccolo contributo di ciascuno di noi può fare una grande differenza. Anche il mare è fatto di piccole gocce!

Amore per il mare

Il futuro del nostro mare è nelle nostri mani: scendi in campo al fianco dei piccoli pescatori e degli artisti, che con i loro interventi in mare favoriscono il ripopolamento delle nostre coste.

Arte e natura

Aiutiamo la natura, e lo facciamo tramite l’arte. Il marmo utilizzato dai nostri artisti ci viene donato dalle Cave Michelangelo, attive già dal primo secolo A.C. Gli artisti mettono a disposizione il loro talento. Tu puoi contribuire alla messa in mare dei blocchi. Il contributo di tutti è la forza de 'La Casa dei Pesci'.

E tu non hai a cuore il futuro dei nostri mari?

Aiutaci con un piccolo contributo, insieme possiamo fare la differenza. Fai una donazione. Basta poco!